Santa Lucia Farinetti, incinta tra le mortadelle

Su Eddyburg del 4 novembre si parla di Fico, La Disneyland del cibo, che ci rimanda a questo intervento di Tomaso Montanari, su blog “Articolo 9”, del lontano 4 luglio 2015:
Un amico newyorchese mi manda questa fotografia, chiedendomi cosa sia successo all’Italia.
Questo amico ama moltissimo Eataly, e ci va spesso «to buy some of their fantastic produce, mortadella and fresh mozzarella». Ma certo non si aspettava di trovare, nel settore dedicato alla pasta, una statua originale del secondo Quattrocento proveniente dal Duomo di Milano, buttata nel mezzo della sala dentro una scatola di plexiglass. In effetti questa fotografia illustra la mercificazione del patrimonio culturale italiano meglio di un intero volume dedicato all’argomento.

Perché la preziosa opera d’arte di un museo italiano deve decorare il negozio di un privato? Ed è opportuno che un’opera d’arte del passato (per giunta di soggetto sacro) venga estratta da un museo per essere straniantemente inscatolata in mezzo alla pasta e alla mortadella? Domande retoriche, visto che la mostra Tesoro d’Italia replica questo modello su vastissima scala, mescolando capolavori dei musei pubblici a opere private, e addirittura a opere in vendita (come la robbiana appoggiata per terra che si vede in questo incredibile filmato).
Molti pensano che questo sia un modo per avvicinare «la gente» all’«arte». Io credo che sia solo un modo per piegare il patrimonio artistico bene comune agli interessi commerciali dei nuovi padroni del vapore. Padroni a cui quelle opere d’arte interessano solo come strumenti del proprio marketing: presentando questo incredibile prestito,Oscar Farinetti parlò di una statua di Santa Lucia incinta, fraintendendo, fantozzescamente, la veste tardogotica allacciata sotto il seno, e ignorando evidentemente tutto della storia della vergine siracusana in generale, e di questa statua in particolare. Naturalmente non è questo il punto: ma dovrebbe far riflettere il fatto che chi parla continuamente di bellezza non ha in realtà la minima idea di quella bellezza.
Lo sfruttamento dell’arte da parte dei potenti di turno è una storia antica, ma la Costituzione italiana aveva messo le premesse di un futuro diverso, indicando un uso dell’arte del passato che fosse indirizzato verso la conoscenza, l’uguaglianza, il pieno sviluppo della persona umana. Ma era un’altra Italia. Oggi, anche agli occhi di un newyorkese è evidente che Eataly si è mangiata Italy.

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+