Da Venezia al Prosecco i nodi dell’affaire Unesco

di Francesco Erbani, su Repubblica del 17 maggio.

«Chi vuole entrare (e chi rischia di uscire) tra i siti tutelati dall’Onu».

C’è chi si mette in fila e, impaziente, aspetta dieci anni prima di essere ammesso. Chi invece, ammesso, denuncia che il farne parte rischia di diventare solo una medaglietta da sfoggiare. Non è il sodalizio di Groucho Marx («Non vorrei mai far parte di un club che accettasse tra i suoi soci uno come me»), ma la lista del Patrimonio mondiale dell’Unesco, dove sfilano oltre mille siti che in tutto il mondo,per la loro eccezionale importanza, godono di uno status speciale attribuito dall’organismo delle Nazioni unite per l’educazione, la scienza e la cultura: quello di appartenere a nessun altro se non all’umanità intera. Leggi tutto

Il paesaggio messo k.o. dalla somma di «lievi entità»

di Maria Pia Guermandi, Il Giornale dell’Arte, maggio 2017.

Il 6 aprile scorso è entrato in vigore – tramite decreto (DPR 31/2017) – il “regolamento recante individuazione degli interventi esclusi dall’autorizzazione paesaggistica o sottoposti a procedura autorizzatoria semplificata”.Si tratta di un provvedimento che incide direttamente sull’attuazione del Codice dei Beni culturali e, nello specifico, sul procedimento di autorizzazione paesaggistica, vale a dire il nulla osta che gli organi territoriali di tutela, le Soprintendenze, devono concedere per poter effettuare qualsiasi intervento di trasformazione territoriale in aree sottoposte a tutela. Leggi tutto

Le forbici dello Stato su cultura e ambiente

di Tomaso Montanari, La Repubblica, 6 maggio.

La cosiddetta “manovrina”, e cioè le disposizioni urgenti in materia finanziaria decise dal governo, che il parlamento dovrà poi convertire in legge, si dice motivata dalla «straordinaria necessità ed urgenza di introdurre misure finanziarie e per il contenimento della spesa pubblica». La ricetta è quella che conosciamo ormai da quasi trent’anni: la progressiva autoriduzione dello Stato, sia al centro che negli enti locali.
Come è ben noto, non è un processo solo italiano. Luciano Gallino ha scritto che il primo articolo della «”costituzione” non scritta, ma applicata da decenni con maggior rigore di molte Costituzioni formali», in Europa, prescrive che «lo Stato provvede da sé a eliminare il proprio intervento o quantomeno a ridurlo al minimo, in ogni settore della società: finanza, economia, previdenza sociale, scuola, istruzione superiore, uso del territorio». Leggi tutto