La marea dei 60 mila No Tav.

Da Torino segnale al governo

Vittoria? “Il successo di oggi inizia e finisce qui. Era indispensabile per noi, ma è duro credere che le piazze decidano davvero la sorte del Tav. Ci sono interessi immensi in campo”, commenta Andrea, un duro e puro del movimento che ha avuto anche qualche rogna per la sua lotta. È un po’ lo stesso pensiero di Alberto Perino, volto storico dei No Tav, con la sua voce che dopo mille cortei è diventata una specie di megafono: “Un corteo bello e colorato”, quasi urla. Ma che cosa succederà adesso? “Se va bene, congeleremo l’opera per un po’; se andrà male, riprenderanno a scavare”. Insomma, non basta vincere la battaglia dei cortei? “La Lega non ha un becco di un quattrino, vuole sedersi sulle poltrone che contano. Strizza l’occhio al potere. Sono i Cinque stelle quelli che vogliono cambiare. Lo avevano scritto nel loro programma, ora non devono arrendersi”. Un passaggio che apre molte porte, in attesa dell’analisi costi-benefici decisa dal gvoerno. Tira un sospiro di sollievo Chiara Appendino, sindaca di Torino, schierata coi manifestanti, messa alle corde dagli imprenditori del Sì: 3mila si sono riuniti in città nei giorni scorsi.

Ma da ieri il Tav non è più soltanto una questione piemontese. Bastava osservare le bandiere, ascoltare i cori. Non è ancora un’alleanza politica, ma qualcosa più che un semplice “no” a un treno.

In mezzo al corteo sfila il vicesindaco di Torino, Guido Montanari (che viene contestato al grido “siete complici di Salvini): “I No Tav non sono contro tutte le grandi opere, ma contro quelle fatte male. Il Tav è vecchio e inefficace. L’Italia paga la fetta più grande dei costi, mentre la Francia ha la parte maggiore del percorso”. Non è solo Montanari, c’è una sfilza di amministratori M5S, come il sindaco di Livorno, Filippo Nogarin (anche lui prova a cancellare l’immagine di movimento dei no): “Noi diciamo sì a investimenti in sanità, scuole e riassetto idrogeologico; no ai soldi cacciati in opere folli come Tav e Mose”. Difficile, però, non notare il peso di queste presenze: i 5Stelle contro un’opera che piace alla Lega. La manifestazione di ieri che crea un crepa nell’alleanza gialloverde, ma suscita dibattito anche nel M5S. Risveglia gli elettori con il cuore a sinistra che chiedono un ritorno alle origini. Un po’ forse sul filo dell’intervento di Beppe Grillo dei giorni scorsi che pareva rivolto anche ai suoi: non sappiamo dove si sta andando. E ieri in tanti attendevano il suo arrivo. Grillo non si è visto, ma ha parlato da Roma: “Ci dovremmo vedere con questi costruttori che stanno lì a protestare perché il loro progresso è il cemento? Se gli togli il calcestruzzo non hanno un’idea a morire”.

Ma guardate bene le bandiere che sfilavano ieri: era tempo che non si vedevano tanti giovani in corteo. Ventenni, ma anche 30/40enni magari con i figli in braccio che sventolano un pupazzo di Paperino. Gente senza vessilli o stemmi. Ma anche tante bandiere rosse, come non se ne vedevano da anni. “Io sono comunista. Sono venuto qui perché mi sento a casa a difendere i beni comuni,”, dice Ivan Repetto, operaio di Potere al Popolo. E ci sono pure schegge della stagione arancione, come Enrico Panini, vicesindaco di Napoli. Che dal palco lancia un discorso che va ben oltre il Tav: “Noi diciamo no alla svendita del territorio e dei beni comuni, ma urliamo sì alla crescita che guarda agli uomini”. Fino a quella frase che a molti passa inosservata: “Noi guardiamo a voi compagne e compagni”, applauso.

Certo, ci sono le bandiere dei centri sociali, gli anarchici. Ma ci sono anche, perfino di più, comitati di quartiere, sindacati, sindaci francesi e una manciata di gilet gialli. E tante associazioni, soprattutto ambientaliste, il mondo verde che nella società esiste, ma in politica non ha voce.

“È molto più facile riunire tutto questo in una piazza che in un movimento politico. Abbiamo molta strada da fare”, sorride Luca Tesei avvolto in una bandiera di Legambiente. Ma la forza del corteo di ieri la sentivi addosso camminandoci in mezzo e la pressione della gente ti spingeva avanti.

Navigando su questo sito, l'utente accetta l'uso dei cookie. Maggiori informazioni.

<h4><a href="https://it.wikipedia.org/wiki/Cookie">Informativa Cookie</a></h4> <p>Su territorialmente.it utilizziamo cookie tecnici essenziali per offrire la migliore esperienza possibile di navigazione, senza registrare alcuna informazione sugli utenti e senza effettuare alcuna profilazione. <br /> Inoltre, su territorialmente.it sono presenti dei pulsanti utili all'interfacciamento con servizi di condivisione sui social network, ovvero dei collegamenti ad altri siti web che dispongono ciascuno di una propria cookie policy. Essi sono elencati in calce, con i link alle pagine ove l'utente potrà reperire tutte le informazioni del caso ed esprimere così il proprio consapevole consenso.<br /><br /> Se si continua a navigare su territorialmente.it senza modificare le impostazioni relative ai cookie nel proprio browser, o si fa click sul pulsante "D'accordo" nel banner sottostante, allora se ne accetta l'uso.</p> <hr /> <p><a title="Privacy Policy" href="http://www.territorialmente.it/privacy-policy">Privacy policy</a> di questo sito</p> <hr /> <p>Pulsanti di condivisione sui social network presenti su territorialmente.it<br /> Facebook: luogo del trattamento : USA; <a href="https://www.facebook.com/help/cookies">Cookie Policy</a><br /> Google+: luogo del trattamento : USA; <a href="http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/cookies/">Cookie Policy</a><br /> Twitter: luogo del trattamento : USA; <a href="https://support.twitter.com/articles/20170514">Cookie Policy</a></p> <hr /> <p>Come disabilitare i cookie nel browser:<br /> <a href="https://support.mozilla.org/it/kb/Attivare e disattivare i cookie">Mozilla Firefox</a> | <a href="https://support.google.com/accounts/answer/61416?hl=it">Google Chrome</a> | <a href="http://windows.microsoft.com/it-it/internet-explorer/delete-manage-cookies">Microsoft Internet Explorer</a> | <a href="https://support.apple.com/it-it/HT201265">Apple Safari</a> | <a href="http://www.opera.com/help/tutorials/security/cookies/">Opera Software</a></p>

Chiudi questa finestra di pop-up